COS’E’ L’E.M.D.R.

L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) dal 2013 è riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della Sanità quale metodo elettivo nella risoluzione dei disturbi post traumatici da stress.

E’, semplificando, la ‘tecnica del movimento degli occhi’ (oppure tamburellamento delle dita o stimolazione sonora) che facilita l’elaborazione dei  traumi e delle paure.

La  desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari è un metodo inventato dalla psicologa americana Francine Shapiro, che alla fine degli anni ’80 scoprì come i movimenti oculari volontari riducevano l’intensità dei pensieri negativi disturbanti.

Iniziò così uno studio per esaminare l’efficacia dell’EMDR nel trattamento di reduci del Vietnam traumatizzati e di vittime di aggressioni sessuali;i risultati mostrarono come questa  tecnica riduceva notevolmente i loro disturbi da stress post traumatico

La tecnica di psicoterapia EMDR è quindi un metodo innovativo che offre un aiuto alle psicoterapie convenzionali.

L’EMDR è diventato così un  approccio terapeutico da noi utlizzato da anni, e “rimane il trattamento con maggior ricerca scientifica molto utile per  le persone che hanno sviluppato sintomi e disturbi dopo aver vissuto situazioni di stress per gravi eventi ed esperienze traumatiche”.
Varie ricerche hanno dimostrato che dopo il trattamento si sono verificati importanti miglioramenti neurofisiologici. Metaforicamente  l’elaborazione dei traumi attraverso l’EMDR è come la corsa di un treno:” ad ogni fermata scende del materiale negativo e salgono nuove associazioni positive”.

La tecnica ha l’effetto di spostare il ricordo del trauma dalla corteccia prefrontale, in cui rimane emotivamente attivo, alla corteccia parietale, dove sarà memorizzato come evento passato, quindi ricordato ma non più attivo nei ricordi emotivi di paura o terrore.

dott.ssa Rossella Ivaldi
psicologa – psicoterapeuta

 

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *